Apri le Botteghe

 “Nate via via come schede di una collezione mentale di opere, giorni, gesti, linguaggi e luoghi scomparsi, queste "ombre" non pretendevano certo di risuscitare il vario teatro di cui si movimentava ogni giornata del mio paese, dall'alba al tramonto, al tempo dei lampioni; ma volevano almeno supplirne privatamente gli antichi colori”

Gesualdo Bufalino

guarda il video

I luoghi scomparsi si raccontano con meritata nostalgia, con il solidale sentimento che unisce il "mai più" a "quel che sarà".

Quello che vedrete è un racconto, un'esperienza che potrete tutti contribuire ad arricchire. 

Non ci giriamo intorno. I nostri paesi stanno scomparendo.

Non vogliamo regalarvi la poesia di un sentimento che non vorrete provare.

Questo NON è un canto di dolore.

La civiltà del rumore di cui parla Gesualdo Bufalino nel suo Museo d’ombre, insieme alle astuzie della storia, hanno determinato un futuro inatteso.

Un futuro che noi vogliamo abitare. Ecco perchè abbiamo deciso di riaprire porte chiuse.

"oggi quei colori è forse doveroso mostrarli. Vi si sentirà battere il cuore di una inedita Sicilia… vi si potrà, riconoscere nella compianta figura dei padri l'immagine di un'alleanza di occhi e mani leali, l'ipotesi, insomma, di una comunità e di una terra abitabili...”

 

Godete in questa passeggiata delle storie e dei luoghi di questo paese. 

Dei silenzi della strada del Corso Giuseppe Fedele Vitale, un tempo brulicante di botteghe e l’antico splendere del cielo di Cerere, che mai potrà mutare. 

#aprilebotteghe è un percorso ideato, progettato e realizzato dall'Associazione Fuorilogos.